Cassia: hennè neutro rimedio naturale per capelli sottili

cassia

Cassia o Senna (hennè neutro) vero e proprio trattamento rinforzante e ristrutturante per capelli. I benefici dell’hennè senza però alterare il colore naturale della chioma.

Caratteristiche della pianta:

E’ una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Fabacee o leguminose. Originaria di Asia, Iran, Iraq, India, Pakistan e della fascia tropicale dell’Africa. I fiori si presentano di colori che vanno dal bianco al giallo e in alcuni casi anche rosa. La fioritura avviene in condizioni ottimali di umidità, che di solito coincide con la stagione delle piogge. La cassia prende diversi nomi in base alla zona in cui viene prodotta, in commercio si trova con i nomi: Cassia Obovata, Cassia Italica, Cassia Augustofilia (Senna). La polvere viene ricavata dai fiori essiccati e si presenta di colore verde chiaro. 

 

Proprietà della pianta:

La Cassia viene chiamata spesso “hennè neutro”, anche se è sbagliata questa definizione, perché come abbiamo visto lhennè ha un pigmento all’interno che lo rende una vera e propria tintura. Se viene chiamato così, però, è per le affinità che ha con la lawsonia. Infatti anche senza colorare, apporta più o meno gli stessi benefici a cuoio capelluto e capelli, vediamoli:

  • lucidante, presenta un ph acido che chiude e sigilla le squame del capello;
  • rinforzante, sul cuoio capelluto svolge azione antifugina e antibatterica che purifica a fondo , ripristina il ph, ed elimina la forfora;
  • volumizzante e rigenerante: penetra tra le squame di cheratina, riuscendo a riempire e riparare piccoli danni dovuti a trattamenti aggressivi o colorazioni chimiche;
  • riflessante, sui capelli chiari riesce ad esaltarne i riflessi naturali.

La cassia è un trattamento eccezionale sui capelli sottili, fragili e sfibrati. Non ha capacità tintorie. Si può utilizzare su tutti i colori di capelli, senza rischiare un cambio di tonalità.

Come utilizzare la cassia:

La cassia può essere utilizzata per i capelli in diversi modi come impacco da sola, acidificandola , insieme  a erbe tintorie (abbinata all’hennè smorza i riflessi rossi e dona riflessi ramati chiari) o per destratificare l’hennè dal fusto del capello. In quanto polvere, potrebbe seccare il capello, in questo caso dopo il risciacquo può essere utile applicare un balsamo corposo o una maschera nutriente.

Impacco:

Il procedimento è uguale a quello utilizzato per la preparazione delle altre erbe ayurvediche , l’importante è non utilizzare acqua troppo calda. Infatti, questa polvere riesce a rilasciare i propri benefici anche con acqua tiepida. Applicala  su capelli puliti lavati da non più di un giorno e lasciare in posa per almeno 1 ora.

Trattamento schiarente: acidificazione

Abbiamo accennato che la cassia non ha proprietà tintorie, ma può aiutare ad esaltare i riflessi già chiari. In questo caso si può lasciare ossidare per un intera notte. Bisogna preparare la pappetta con infuso di camomila (in bustine o solubile va benissimo) e qualche goccia di limone. Si copre e si lascia riposare l’intera notte (almeno 12 ore).

In questo caso, per ottenere maggiori benefici, il tempo di applicazione aumenta, bisogna lasciare l’impacco sui capelli sempre ben coperto da cuffietta/pellicola per almeno 4 ore.

Questo metodo può essere usato sia per riflessare i capelli già chiari, o per aiutare il capello ad eliminare eccessi di hennè (destratificare). I risultati per essere visibili, richiedono tempo e costanza. L’impacco fatto ogni 1-2 settimane avrà risultati visibili dopo 2-3mesi.

Questa preparazione potrebbe anche far acquisire ai capelli bianchi dei riflessi dorati molto naturali.

Ora conosci tutti i benefici di quest’eccezionale polvere. Provala e fammi sapere se ha mantenuto le aspettative.

Articoli che potrebbero interessarti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *